fbpx

Matera città di storia e cultura 2019

Storia e cultura del sud Italia

Per l’Italia e, specialmente per le meravigliose regioni del sud, il 2019 sarà un anno importante. Infatti uno dei suoi gioielli, Matera è stata disegnata come la città della cultura per l’anno 2019. Si sa, nel sud Italia, le tradizioni sono qualcosa di unico, spettacolare e cosa più importante, è grazie alle tradizioni che si riesce a mantenere vivo l’anima del posto. Matera non fa eccezioni.

Il 2 luglio di ogni anno, Matera si anima di storia, folclore e religione per festeggiare la sua patrona, “Madonna della Bruna”, festa tra le più suggestive della Basilicata. Il suo nome deriva da un affresco bizantino conservato in cattedrale; inizia all’alba con la processione “dei pastori” tra le piccole vie della città, poi è il turno della “cavalcata” dei cavalieri con abiti decorati a mano.

L’attrazione principale è il carro, gigantesco con una torretta, in poppa la statua della Madonna, realizzato in carta pesta e trainato da 8 muli bardati. Tre leggende costituiscono questa ricorrenza, il momento clou della manifestazione è intorno alle ore 22.00 quando viene deposta la statua della Madonna in Cattedrale. A questo punto, il carro subisce l’assalto ovvero lo “straccio”, la distruzione sotto gli occhi dei partecipanti alla manifestazione religiosa dove ognuno cerca di afferrare una parte, una piccola immagine di cartapesta del carro benedetto e conservarlo come segno di protezione.

Matera è tanta roba. Parti con noi.

Da visitare anche “la Casa grotta”, una tipica casa costruita nel XVIII secolo che conserva al suo interno i mobili, attrezzature dell’epoca dalla sala alla cucina, dalla stalla alla mangiatoia. Insomma, uno spaccato della vita famigliare dell’epoca.

Da non mancare, la visita alle chiese rupestri del VIII/IX secolo ; il cimitero barbarico-longobardo, antica necropoli scavata nella roccia; la Chiesa del Purgatorio risalente alla prima metà del Duecento; la riserva idrica della città antica di Matera. Poco lontano, troviamo una cripta che risulta essere uno degli insediamenti più antica della murgia materna con la cripta del Peccato Originale, conosciuta come la Cappella Sistina della pittura rupestre.


Una sosta “raccontata” nella bottega di un artigiano locale dove si potrà vedere come lavorano e per chiudere il nostro tour di Matera, una degustazione di prodotti tipici locali.
Perché visitare i Sassi? Perché è un insediamento umano unico e speciale oltre che ha scoprire la cultura, l’arte la storia un territorio ricco anche per l’artigianato come il “cuccu’”; il timbro per il pane; la pupa e non in ultimo dove vengono girati molti film diventando uno scenario eccezionale per artisti, registi.

Se ti è piaciuto il nostro articolo, non esitare a lasciare un commento sulla nostra pagina Facebook.

Informazioni utili per viaggiare in

Europa

L'Occitane Voyages

logo occitane piccolo